Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Italiano e Testo - Niccolò Machiavelli

La traduzione di Discourses On The First Decade Of Titus Livius - Niccolò Machiavelli in Italiano e il testo originale della canzone
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Italiano e Testo - Niccolò Machiavelli Italiano
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Inglese e Testo - Niccolò Machiavelli Inglese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Spagnolo e Testo - Niccolò Machiavelli Spagnolo
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Francese e Testo - Niccolò Machiavelli Francese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Tedesco e Testo - Niccolò Machiavelli Tedesco
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Portoghese e Testo - Niccolò Machiavelli Portoghese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Russo e Testo - Niccolò Machiavelli Russo
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Olandese e Testo - Niccolò Machiavelli Olandese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Svedese e Testo - Niccolò Machiavelli Svedese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Norvegese e Testo - Niccolò Machiavelli Norvegese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Danese e Testo - Niccolò Machiavelli Danese
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Hindi e Testo - Niccolò Machiavelli Hindi
Discourses On The First Decade Of Titus Livius : Traduzione in Polacco e Testo - Niccolò Machiavelli Polacco
Di seguito troverete testo, video musicale e traduzione di Discourses On The First Decade Of Titus Livius - Niccolò Machiavelli in varie lingue. Il video musicale con la traccia audio della canzone partirà automaticamente in basso a destra. Per migliorare la traduzione potete seguire questo link oppure premere il bottone blu in fondo.

Testo della Canzone Discourses On The First Decade Of Titus Livius
di Niccolò Machiavelli

Of the Religion of the Romans.

Though Rome had Romulus for her first founder, and as a daughter owed him her being and nurture, nevertheless, when the institutions of Romulus were seen by Heaven to be insufficient for so great a State, the Roman senate were moved to choose Numa Pompilius as his successor, that he might look to all matters which Romulus had neglected. He finding the people fierce and turbulent, and desiring with the help of the peaceful arts to bring them to order and obedience, called in the aid of religion as essential to the maintenance of civil society, and gave it such a form, that for many ages God was nowhere so much feared as in that republic. The effect of this was to render easy any enterprise in which the senate or great men of Rome thought fit to engage. And whosoever pays heed to an infinity of actions performed, sometimes by the Roman people collectively, often by single citizens, will see, that esteeming the power of God beyond that of man, they dreaded far more to violate their oath than to transgress the laws; as is clearly shown by the examples of Scipio and of Manlius Torquatus. For after the defeat of the Romans by Hannibal at Cannæ, many citizens meeting together, resolved, in their terror and dismay, to abandon Italy and seek refuge in Sicily. But Scipio, getting word of this, went among them, and menacing them with his naked sword, made them swear never to abandon their country. Again, when Lucius Manlius was accused by the tribune Marcus Pomponius, before the day fixed for trial, Titus Manlius, afterwards named Torquatus, son to Lucius, went to seek this Marcus, and threatening him with death if he did not withdraw the charge against his father, compelled him to swear compliance; and he, through fear, having sworn, kept his oath. In the first of these two instances, therefore, citizens whom love of their country and its laws could not have retained in Italy, were kept there by the oath forced upon them; and in the second, the tribune Marcus, to keep his oath, laid aside the hatred he bore the father, and overlooked the injury done him by the son, and his own dishonour. And this from no other cause than the religion which Numa had impressed upon this city.

And it will be plain to any one who carefully studies Roman History, how much religion helped in disciplining the army, in uniting the people, in keeping good men good, and putting bad men to shame; so that had it to be decided to which prince, Romulus or Numa, Rome owed the greater debt, I think the balance must turn in favour of Numa; for when religion is once established you may readily bring in arms; but where you have arms without religion it is not easy afterwards to bring in religion. We see, too, that while Romulus in order to create a senate, and to establish his other ordinances civil and military, needed no support from Divine authority, this was very necessary to Numa, who feigned to have intercourse with a Nymph by whose advice he was guided in counselling the people. And this, because desiring to introduce in Rome new and untried institutions, he feared that his own authority might not effect his end. Nor, indeed, has any attempt ever been made to introduce unusual laws among a people, without resorting to Divine authority, since without such sanction they never would have been accepted. For the wise recognize many things to be good which do not bear such reasons on the face of them as command their acceptance by others; wherefore, wise men who would obviate these difficulties, have recourse to Divine aid. Thus did Lycurgus, thus Solon, and thus have done many besides who have had the same end in view.

The Romans, accordingly, admiring the prudence and virtues of Numa, assented to all the measures which he recommended. This, however, is to be said, that the circumstance of these times being deeply tinctured with religious feeling, and of the men with whom he had to deal being rude and ignorant, gave Numa better facility to carry out his plans, as enabling him to mould his subjects readily to any new impression. And, doubtless, he who should seek at the present day to form a new commonwealth, would find the task easier among a race of simple mountaineers, than among the dwellers in cities where society is corrupt; as the sculptor can more easily carve a fair statue from a rough block, than from the block which has been badly shaped out by another. But taking all this into account, I maintain that the religion introduced by Numa was one of the chief causes of the prosperity of Rome, since it gave rise to good ordinances, which in turn brought with them good fortune, and with good fortune, happy issues to whatsoever was undertaken.

And as the observance of the ordinances of religion is the cause of the greatness of a State, so their neglect is the occasion of its decline; since a kingdom without the fear of God must either fall to pieces, or must be maintained by the fear of some prince who supplies that influence not supplied by religion. But since the lives of princes are short, the life of this prince, also, and with it his influence, must soon come to an end; whence it happens that a kingdom which rests wholly on the qualities of its prince, lasts for a brief time only; because these qualities, terminating with his life, are rarely renewed in his successor. For as Dante wisely says:—

'Seldom through the boughs doth human worth renew itself; for such the will of Him who gives it, that to Him we may ascribe it.'

It follows, therefore, that the safety of a commonwealth or kingdom lies, not in its having a ruler who governs it prudently while he lives, but in having one who so orders things, that when he dies, the State may still maintain itself. And though it be easier to impose new institutions or a new faith on rude and simple men, it is not therefore impossible to persuade their adoption by men who are civilized, and who do not think themselves rude. The people of Florence do not esteem themselves rude or ignorant, and yet were persuaded by the Friar Girolamo Savonarola that he spoke with God. Whether in this he said truth or no, I take not on me to pronounce, since of so great a man we must speak with reverence; but this I do say, that very many believed him without having witnessed anything extraordinary to warrant their belief; his life, his doctrines, the matter whereof he treated, being sufficient to enlist their faith.

Let no man, therefore, lose heart from thinking that he cannot do what others have done before him; for, as I said in my Preface, men are born, and live, and die, always in accordance with the same rules.


Footnote 1:

L'umana probitate: e questo vuole
Quei che la dà, perchè da lui si chiami.
Purg. vii. 121-123.]

Traduzione in Italiano della Canzone
Discourses On The First Decade Of Titus Livius di Niccolò Machiavelli

Della religione dei romani.

Sebbene Roma avesse Romolo come suo primo fondatore, e come figlia gli dovesse il suo essere e il suo nutrimento, tuttavia, quando le istituzioni di Romolo furono considerate dal Cielo insufficienti per uno Stato così grande, il senato romano fu spinto a scegliere Numa Pompilio come suo successore, affinché potesse guardare a tutte le questioni che Romolo aveva trascurato. Trovando le persone feroci e turbolente e desiderose, con l'aiuto delle arti pacifiche, di portarle all'ordine e all'obbedienza, chiamò l'aiuto della religione come essenziale per il mantenimento della società civile e le diede una forma tale che per molti secoli fa Dio non era tanto temuto come in quella repubblica. L'effetto di ciò fu di rendere facile ogni impresa in cui il senato o grandi uomini di Roma riteneva opportuno impegnarsi. E chiunque presti attenzione a un'infinità di azioni compiute, a volte dal popolo romano collettivamente, spesso da singoli cittadini, vedrà che stimando il potere di Dio al di là di quello dell'uomo, temevano molto più di violare il loro giuramento che di trasgredire le leggi ; come è chiaramente mostrato dagli esempi di Scipione e di Manlio Torquato. Perché dopo la sconfitta dei romani da parte di Annibale a Cannæ, molti cittadini riuniti insieme, decisero, nel loro terrore e sgomento, di abbandonare l'Italia e cercare rifugio in Sicilia. Ma Scipione, sentendone la notizia, andò in mezzo a loro e, minacciandoli con la sua spada nuda, li fece giurare di non abbandonare mai il loro paese. Ancora una volta, quando Lucio Manlio fu accusato dal tribuno Marco Pomponio, prima del giorno fissato per il processo, Tito Manlio, in seguito chiamato Torquato, figlio di Lucio, andò a cercare questo Marco e minacciandolo di morte se non avesse ritirato l'accusa contro suo padre, lo costrinse a giurare obbedienza; e lui, per paura, avendo giurato, mantenne il giuramento. Nel primo di questi due casi, dunque, cittadini che l'amore per la patria e le sue leggi non avrebbero potuto trattenere in Italia, vi furono trattenuti dal giuramento loro imposto; e nel secondo, il tribuno Marco, per mantenere il suo giuramento, mise da parte l'odio che portava al padre e trascurò il danno arrecatogli dal figlio e il suo stesso disonore. E questo per nessun altro motivo che la religione che Numa aveva impresso in questa città.

E sarà chiaro a chiunque studi attentamente la storia romana, quanto la religione abbia aiutato a disciplinare l'esercito, a unire le persone, nel mantenere buoni gli uomini buoni e nel far vergognare gli uomini cattivi; sicché se si fosse deciso a quale principe, Romolo o Numa, Roma doveva il debito maggiore, credo che il saldo debba girare a favore di Numa; perché quando la religione è una volta stabilita, puoi prontamente portare le armi; ma dove hai armi senza religione non è facile poi introdurre la religione. Vediamo anche che mentre Romolo per creare un senato e per stabilire le sue altre ordinanze civili e militari non aveva bisogno del sostegno dell'autorità divina, questo era molto necessario per Numa, che finse di avere rapporti con una ninfa secondo il cui consiglio era guidato nel consigliare le persone. E questo, perché desiderando introdurre a Roma istituzioni nuove e inesperte, temeva che la sua stessa autorità non potesse portare alla sua fine. Né, infatti, è mai stato fatto alcun tentativo di introdurre leggi insolite tra un popolo, senza ricorrere all'autorità divina, poiché senza tale sanzione non sarebbero mai state accettate. Perché i saggi riconoscono che sono buone molte cose che non hanno, a prima vista, ragioni tali da comandare la loro accettazione da parte di altri; pertanto, gli uomini saggi che vorrebbero ovviare a queste difficoltà, ricorrono all'aiuto divino. Così ha fatto Licurgo, quindi Solone, e così hanno fatto molti altri che hanno avuto lo stesso fine in vista.

I romani, di conseguenza, ammirando la prudenza e le virtù di Numa, acconsentirono a tutte le misure che egli consigliato. Questo, tuttavia, va detto che la circostanza di questi tempi essendo profondamente tinta di sentimento religioso, e degli uomini con cui ha dovuto trattare essendo scortesi e ignoranti, ha dato a Numa una migliore facilità per portare a termine i suoi piani, come per modellare prontamente i suoi soggetti a qualsiasi nuova impressione. E, senza dubbio, chi dovrebbe cercare oggi di formare un nuovo commonwealth, troverebbe il compito più facile tra una razza di semplici alpinisti, che tra gli abitanti delle città dove la società è corrotta; poiché lo scultore può scolpire più facilmente una bella statua da un blocco grezzo, che dal blocco che è stato mal modellato da un altro. Ma tenendo conto di tutto ciò, ritengo che la religione introdotta da Numa sia stata una delle principali cause della prosperità di Roma, poiché ha dato origine a buone ordinanze, che a loro volta hanno portato con sé buona fortuna e, con buona fortuna, felice questioni a qualunque cosa sia stata intrapresa.

E come l'osservanza delle ordinanze della religione è la causa della grandezza di uno Stato, così il loro abbandono è l'occasione del suo declino; poiché un regno senza il timore di Dio deve o cadere a pezzi, o deve essere mantenuto dalla fea

Migliora questa Traduzione

A causa di mancanza di tempo e persone, moltissime traduzioni vengono effettuate con il traduttore automatico.
Sappiamo che non è il massimo, ma è sufficiente per far capire a chi ci visita il senso della canzone.
Con il tuo aiuto, e quello degli altri visitatori, possiamo rendere questo sito un riferimento per le traduzioni di canzoni.
Ti va di dare il tuo contributo per la canzone Discourses On The First Decade Of Titus Livius ? Ne siamo felici!

Niccolò Machiavelli

Discourses On The First Decade Of Titus Livius : traduzione e testo - Niccolò Machiavelli

Discourses On The First Decade Of Titus Livius

Vi presentiamo il testo e la traduzione di Discourses On The First Decade Of Titus Livius , una nuova canzone creata da Niccolò Machiavelli tratta dall'album 'Discourses on the First Decade of Titus Livius (English version)'

L'album si compone di 141 canzoni. Potete cliccare sulle canzoni per visualizzare i rispettivi testi e le traduzioni:

Ecco una piccola lista di canzoni che potrebbe decidere di cantare comprensiva dell'album dal quale ogni canzone è tratto:

Ultime Traduzioni e Testi di Niccolò Machiavelli

Ultime Traduzioni e Testi Inseriti

Traduzioni più viste questa settimana

Fino ad oggi avete migliorato
225
traduzioni di canzoni
Grazie!!