A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Italiano e Testo - United States Fashion Industry Association

La traduzione di A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc. - United States Fashion Industry Association in Italiano e il testo originale della canzone
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Italiano e Testo - United States Fashion Industry Association Italiano
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Inglese e Testo - United States Fashion Industry Association Inglese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Spagnolo e Testo - United States Fashion Industry Association Spagnolo
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Francese e Testo - United States Fashion Industry Association Francese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Tedesco e Testo - United States Fashion Industry Association Tedesco
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Portoghese e Testo - United States Fashion Industry Association Portoghese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Russo e Testo - United States Fashion Industry Association Russo
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Olandese e Testo - United States Fashion Industry Association Olandese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Svedese e Testo - United States Fashion Industry Association Svedese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Norvegese e Testo - United States Fashion Industry Association Norvegese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Danese e Testo - United States Fashion Industry Association Danese
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Hindi e Testo - United States Fashion Industry Association Hindi
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.: Traduzione in Polacco e Testo - United States Fashion Industry Association Polacco
Di seguito troverete testo, video musicale e traduzione di A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc. - United States Fashion Industry Association in varie lingue. Il video musicale con la traccia audio della canzone partirà automaticamente in basso a destra. Per migliorare la traduzione potete seguire questo link oppure premere il bottone blu in fondo.

Testo della Canzone A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.
di United States Fashion Industry Association

WASHINGTON — The Association of Importers of Textiles and Apparel is undergoing a makeover, trading in its 25-year-old brand for a new image, name and logo, as it broadens its mission to address changes in the global sourcing landscape.

The trade and lobbying group, which represents some 200 retailers, brands and service providers, will unveil and launch its new name — the United States Fashion Industry Association — and revamped logo, mission statement, set of values and Web site at its annual meeting in New York on Wednesday. The organization cohosts the meeting with the American Import Shippers Association. Its new Web site is slated to go live today at

The association’s core mission was focused more on tearing down trade barriers and opening new markets, but the world of global sourcing has changed dramatically in the last 25 years, and the USFIA aims to use its revamped image as it lobbies the executive branch and Congress on international trade policy issues.

When the association launched in 1989, the had signed only one free-trade agreement, quotas on apparel and textile imports controlled trade flows and China had barely surpassed Taiwan to become the top apparel supplier to the , said Julia Hughes, who has been with the association since its inception in 1989 and is president of USFIA, as she was at USA-ITA. Today, the has signed 14 free-trade deals; global quotas have been eliminated; China has the lion’s share, at 41 percent, of the apparel import market, and Taiwan, Hong Kong and South Korea are no longer among the top four apparel suppliers to the Those three countries have been replaced by Vietnam, Bangladesh and Indonesia.

“When we were founded, our mission was clear: the elimination of global quotas , but today our goals and our mission is broader than that,” Hughes said. “Our original name only mentioned importers of textiles and apparel, but our members are also exporters, retailers and global brands. They might have a product that is developed and designed in the , but the product itself never touches . We care about barriers in Japan or barriers in Italy, and we are no longer just looking at access to the market.”

Hughes said her members replaced “importers” in the association’s name with “fashion industry” to reflect the industry in its entirety — from brands and retailers to consultants, logistics providers and academic institutions.

Maureen Gray, vice president of international trade at Ralph Lauren Corp., currently chairs the association, which also includes on its board executives from Macy’s Inc., The Jones Group Inc., Kohl’s Corp., Pacific Sunwear of California Inc., Warnaco Inc., Levi Strauss andamp; Co., Penney Co. Inc., American Eagle Outfitters and Urban Outfitters Inc.

The Made in America movement, which has been gaining steam in the past few years, is also an area of focus that many of USFIA’s members are pursuing.

“Made in USA has always been a portion of companies’ production, but I think there is more of a focus on it now,” Hughes said. “There is potential for it to grow. How large it can grow is a real question, but we support it.”


Hughes also noted that importing and Made in America initiatives are pursued simultaneously without friction.

“We haven’t seen a conflict,” Hughes said. “It is one element of sourcing for our member companies. We are not promoting one over the other. We are very supportive of Made in USA, and we sponsored some of the very first programs about Made in USA at MAGIC. It is a very important element, but it is one part of sourcing decision making.”

Hughes said the association has several top priorities in Washington for the remainder of this year and next year. Among them is a push for liberal rules of origin in the Trans-Pacific Partnership negotiations between the and 11 other countries. Vietnam, the second-largest apparel supplier to the , is taking part in the negotiations and is a key sourcing platform for the fashion industry.

The has proposed a yarn-forward rule of origin that requires apparel be made of fabric and yarns supplied by the or other TPP partner countries to qualify for duty-free benefits when shipped back to the Importers oppose the rule and are seeking to broaden it to include third-country fabrics and yarns outside of the TPP partner countries, notably from China.
Hughes also pointed to renewal of the African Growth and Opportunity Act, which expires in 2015. USFIA and other associations are lobbying to have the preferential trade program extended early next year because businesses plan orders months in advance and become concerned when an expiration is looming.

Strengthening compliance in Bangladesh in the wake of two factory tragedies that have claimed the lives of more than 1,230 people in the past year is also a priority, she said.

Hughes said USFIA has members that have joined the two competing industry fire and building safety accords, as well as member companies that have opted to pursue their own path.

“A key issue for us is helping the industry make sure that we maintain the highest level of compliance,” Hughes said.

Traduzione in Italiano della Canzone
A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc. di United States Fashion Industry Association

WASHINGTON - L'Associazione degli importatori di tessuti e abbigliamento sta subendo un restyling, scambiando il suo marchio di 25 anni con una nuova immagine, nome e logo, mentre amplia la sua missione per affrontare i cambiamenti nel panorama dell'approvvigionamento globale.

Il gruppo commerciale e di lobbying, che rappresenta circa 200 rivenditori, marchi e fornitori di servizi, svelerà e lancerà il suo nuovo nome - la United States Fashion Industry Association - e rinnoverà il logo, la dichiarazione di intenti, l'insieme di valori e il sito web mercoledì alla sua riunione annuale a New York. L'organizzazione ospita l'incontro con l'American Import Shippers Association. Il suo nuovo sito Web dovrebbe essere pubblicato oggi su

La missione principale dell'associazione era concentrata maggiormente sull'abbattimento delle barriere commerciali e sull'apertura di nuovi mercati, ma il mondo dell'approvvigionamento globale è cambiato radicalmente negli ultimi 25 anni , e l'USFIA mira a utilizzare la sua immagine rinnovata mentre esercita pressioni sul ramo esecutivo e sul Congresso su questioni di politica commerciale internazionale.

Quando l'associazione è stata lanciata nel 1989, aveva firmato un solo accordo di libero scambio, quote sull'abbigliamento e le importazioni tessili controllavano i flussi commerciali e la Cina aveva appena superato Taiwan per diventare il principale fornitore di abbigliamento per il, ha detto Julia Hughes, che è stata con l'associazione sin dal suo inizio nel 1989 ed è presidente dell'USFIA, come era a USA- ITA. Oggi ha firmato 14 accordi di libero scambio; le quote globali sono state eliminate; La Cina ha la parte del leone, al 41%, del mercato di importazione di abbigliamento, e Taiwan, Hong Kong e Corea del Sud non sono più tra i primi quattro fornitori di abbigliamento. Questi tre paesi sono stati sostituiti da Vietnam, Bangladesh e Indonesia. />
'Quando siamo stati fondati, la nostra missione era chiara: l'eliminazione delle quote globali, ma oggi i nostri obiettivi e la nostra missione sono più ampi', ha detto Hughes. “Il nostro nome originale menzionava solo importatori di tessuti e abbigliamento, ma i nostri membri sono anche esportatori, rivenditori e marchi globali. Potrebbero avere un prodotto sviluppato e progettato in, ma il prodotto stesso non tocca mai. Abbiamo a cuore le barriere in Giappone o quelle in Italia, e non stiamo più guardando solo all'accesso al mercato. '

Hughes ha detto che i suoi membri hanno sostituito' importatori 'nel nome dell'associazione con' industria della moda ' per riflettere il settore nella sua interezza, da marchi e rivenditori a consulenti, fornitori di servizi logistici e istituzioni accademiche.

Maureen Gray, vicepresidente del commercio internazionale di Ralph Lauren Corp., attualmente presiede l'associazione, che include nel suo consiglio di amministrazione dirigenti di Macy's Inc., The Jones Group Inc., Kohl's Corp., Pacific Sunwear of California Inc., Warnaco Inc., Levi Strauss andamp; Co., Penney Co. Inc., American Eagle Outfitters e Urban Outfitters Inc.

Il movimento Made in America, che ha preso piede negli ultimi anni, è anche un'area di interesse che molti dei membri dell'USFIA stanno perseguendo.

'Il Made in USA è sempre stato una parte della produzione delle aziende, ma penso che ora ci sia più attenzione', ha detto Hughes. “C'è il potenziale per crescere. Quanto può crescere grande è una vera domanda, ma noi lo supportiamo. '


Hughes ha anche osservato che le iniziative di importazione e Made in America vengono perseguite contemporaneamente senza attriti.

' Noi non ho visto un conflitto ', ha detto Hughes. “È un elemento di approvvigionamento per le nostre aziende associate. Non stiamo promuovendo l'uno sull'altro. Siamo molto favorevoli al Made in USA e abbiamo sponsorizzato alcuni dei primissimi programmi sul Made in USA presso MAGIC. È un elemento molto importante, ma fa parte del processo decisionale relativo all'approvvigionamento '.

Hughes ha affermato che l'associazione ha diverse priorità principali a Washington per il resto di quest'anno e il prossimo anno. Tra questi c'è una spinta per regole di origine liberali nei negoziati di partenariato trans-pacifico tra e altri 11 paesi. Il Vietnam, il secondo più grande fornitore di abbigliamento di, sta prendendo parte ai negoziati ed è una piattaforma di approvvigionamento chiave per l'industria della moda.

Il ha proposto una regola di origine filata che richiede l'abbigliamento realizzati con tessuti e filati forniti da o da altri paesi partner TPP per qualificarsi per benefici esenti da dazio quando rispediti agli importatori si oppongono alla regola e stanno cercando di ampliarla per includere tessuti e filati di paesi terzi al di fuori dei paesi partner TPP, in particolare dalla Cina.
Hughes ha anche indicato il rinnovo dell'African Growth and Opportunity Act, che scade nel 2015. L'USFIA e altre associazioni stanno facendo pressioni per estendere il programma commerciale preferenziale all'inizio del prossimo anno perché le aziende pianificano gli ordini con mesi di anticipo e preoccuparsi quando si profila una scadenza.

Anche rafforzare la compliance in Bangladesh sulla scia di due tragedie in fabbrica che hanno causato la morte di oltre 1.230 persone nell'ultimo anno è una priorità y, ha detto.

Hughes ha detto che l'USFIA ha membri che si sono uniti a th

Migliora questa Traduzione

A causa di mancanza di tempo e persone, moltissime traduzioni vengono effettuate con il traduttore automatico.
Sappiamo che non è il massimo, ma è sufficiente per far capire a chi ci visita il senso della canzone.
Con il tuo aiuto, e quello degli altri visitatori, possiamo rendere questo sito un riferimento per le traduzioni di canzoni.
Ti va di dare il tuo contributo per la canzone A New Force: U.s. Fashion Industry Assoc.? Ne siamo felici!
Fino ad oggi avete migliorato
225
traduzioni di canzoni
Grazie!!